Apple, iOS 7 arriva su iPhone e iPad: la guida completa all’installazione

iOS 7 arriva su iPhone e iPad

La versione aggiornata del sistema operativo disponibile dal 18 settembre: è una piattaforma nuova ma dall’utilizzo familiare, anche se l’interfaccia utente è completamente rinnovata. Secondo la Mela, è “l’aggiornamento più importante” rilasciato finora.

iOS7

 

UN GIORNO attteso da moltissimi utenti iPhone e iPadiOS 7 è rilasciato il 18 settembre, fra le 18 e le 19 ora italiana.

I dispositivi compatibili. Il nuovo, rivoluzionario sistema operativo – sul quale ha messo lo zampino il geniale designer britannico Jony Ive – potrà essere installato su iPhone 4, iPhone 4s, iPhone 5 e, ovviamente, sarà preinstallato sui modelli appena presentati: iPhone 5c e iPhone 5. Anche iPod Touch di quinta generazione e gli iPad 2, 3, 4 e l’iPad Mini potranno essere trasportati all’iOS 7.

Non tutti i modelli potranno però sfoggiare le stesse funzioni: per chi possiede i più vecchi (il 4, 4s e l’iPad fino alla seconda generazione) può essere forse meglio aspettare qualche tempo – soprattutto per i tablet, che avevano mostrato qualche problema in fase di test – e passare al nuovo sistema più avanti per non rischiare di appesantire il proprio dispositivo. Ecco i passi principali per installare il nuovo OS sul proprio smartphone o tablet Apple.

Come fare. Due le strade per scaricare e aggiornare. La prima è collegare il dispositivo al pc o al Mac: iTunes, che bisognerà aggiornare all’ultima versione, procederà automaticamente. La seconda passa direttamente dal proprio dispositivo, accedendo alle impostazioni e poi ad ‘aggiornamento software’, con la procedura “OTA“, over the air, ovvero senza connettere cavi al dispositivo. In questo caso è consigliabile però connettere iPhone e iPad alla rete elettrica attraverso il caricabatterie. Che fare se  iOS 7 Beta? Se la versione preliminare del nuovo sistema è già stata installata è necessario passare alla definitiva versione GM (Golden Master) prima di upgradare alla pubblica. La prima, infatti, è scaduta.

Dispositivi di precedenti generazioni. Alcune funzionalità di iOS7 dipendono dal dispositivo su cui sarà installato il sistema, altri dal Paese in cui è rilasciato. Per fare alcuni esempi, AirDrop non sarà disponibile per gli iPhone 4 e 4s e per gli iPad fino alla terza generazione inclusa. La fotocamera e tutte le sue novità, filtri inclusi, non sarà installata su iPad2. Per l’Italia è ancora impossibile utilizzare anche l’attesa iTunes Radio, sorta di simil-Pandora per lo streaming musicale, né Siri integrato con Twitter, per ora solo in inglese, francese e tedesco.

Le novità di iOS 7. Il restyling del sistema è pressoché totale. Dall’interfaccia essenziale e 2D alla sensibilità al movimento passando per l’eliminazione del tradizionale “slide to unlock” sul nuovo iPhone 5S, che riconoscerà l’impronta dell’utente. Dal Centro di controllo sarà inoltre possibile accedere rapidamente alle impostazioni dell’iPhone e dell’iPad, oltre alle app installate e regolare ogni aspetto, dalla luminosità ad AirPlay. Ancora: viene riorganizzata la gestione della galleria fotografica – a proposito, gli scatti si potranno condividere su iCloud Photo Sharing – AirDrop, sempre per inviare wireless i contenuti. E ancora, un Safari più ampio, la rinnovata assistente vocale Siri e l’integrazione del nuovo sistema col computer di bordo dell’auto. Cambia poi tutto il “motore” del sistema operativo con un multitasking più efficiente e intelligente, che capisce quali app si usano in che momenti della giornata e restituisce all’utente un dispositivo più reattivo. E poi segue una molteplicità di aggiornamenti “invisibili” ma implementati per rendere iOS7 una piattaforma più sicura e performante in ambiti corporate e professionali, come la gestione avanzata delle Vpn.

Sorgente: www.repubblica.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>