Verso l’Ipo di Twitter: quando i social network arrivano in Borsa

I social network arrivano in Borsa

Twitter riapre il capitolo della quotazione dei social network in anticipo rispetto a quanto previsto.

social network, arrivano, in borsa, facebook, twitter, linkedInTwitter fin dalla nascita era progettato per l’uso da dispositivi mobili e ha elaborato messaggi promozionali racchiusi nello spazio di un micropost. L’amministratore delegato Dick Costolo ha investito su molti fronti: social data mining, accordi con i network televisivi, alleanze con gruppi pubblicitari. Twitter è diventato lo spazio di conversazione delle elite globali ed entra nel dibattito quotidiano fino a costruire un luogo di confronto per i decision maker. Più di altri grandi social network ha sviluppato un’integrazione profonda con altri media come quotidiani e blog.

Continua…

Amici insolventi su Social Network? La banca non ti dà il prestito

Attento a chi aggiungi come amico nella tua rete social

Sempre più istituti di credito in Stati Uniti setacciano i profili dei clienti sui social network. Se dalle verifiche risulta magari che i amici nei social network sono cattivi pagatori, allora niente mutuo per il cliente. Anche Twitter e LinkedIn sono coinvolte nella schedatura. Un’intensa attività sulle piattaforme avvolte è indicatore di stabilità economica.

facebook, social media, prestiti, stati uniti, twitter, linkedin, clienti

Hai un amico insolvente su Facebook? Ci spiace, allora niente mutuo. Numerose banche americane hanno sviluppato  un innovativo e discutibile metodo d’indagine per valutare se concedere o meno un prestito a un cliente.

Continua…

Italiani web-dipendenti più “social” degli americani, boom di anziani su Facebook e Twitter

Gli italiani e li social network20130914_20130914

Ormai siamo web-dipendenti. Secondo una ricerca di LiveXtension gli italiani sarebbero più “social” degli americani. Nel nostro Paese i social network sono utilizzati dal 75% della popolazione internet, di poco superiore agli Stati Uniti fermi al 72%.

Continua…